stefanobaldini.net

Articolo su Gazzetta di Parma

 

Un'inedita lezione di sport: il campione olimpico di Atene 2004 al Ballotta con gli alunni di Zani e Vianello. La scuola media Zani e la scuola media Vianello hanno incontrato ieri al campo sportivo Ballotta Stefano Baldini, medaglia d'oro nella maratona alle Olimpiadi di Atene dei 2004. Una mattinata di sport, organizzata dalla società Forti e Liberi Atletica di Gian Carlo Chittolini, in cui gli studenti hanno avuto l'occasione di «provare l'atletica» cimentandosi nella corsa, nel lancio e nel salto. Al progetto «Prova l'atletica», promosso dalla Forti e Liberi, prendono parte in totale circa 600 ragazzini. «In questa giornata i ragazzi hanno la possibilità di provare le varie discipline dell'atletica. Abbiamo invitato Stefano Baldini per enfatizzare i valori dello sport. Ringrazio la dirigente scolastica Lorenza Pellegrini che, insieme alle docenti di educazione motoria Sandra Dini, Paola Iemmi, Gabriella Affaticati e Alessandra Manini, hanno accolto il nostro progetto». Nel corso della mattinata i ragazzi hanno avuto, quindi, l'occasione di provare le diverse specialità dell'atletica leggera, sotto la guida dei loro insegnanti e di Chittolini e con il contributo di Daniela Zatorri, Ambra Gatti, Steve Abe e Giacomo Zilocchi. A fare da tecnico audio e video è stato Stefano Dioni del Vespa Club Cavallo. Stefano Baldini, omaggiato dal pasticcere Claudio Gatti di Tabiano con una delle sue famose focacce, ha parlato dell'importanza dello sport. «Partecipo spesso a eventi come questo. E' importante far provare l'atletica nella scuole. Per alcuni può essere l'inizio di qualcosa di importante. L'atletica è la disciplina più varia e quella che sta alla base di tutte le altre», ha spiegato. Secondo Baldini la pratica sportiva nelle scuole è fondamentale: «Tanti bambini fanno sport, ma tanti altri no. Quindi farlo nelle scuole diventa fondamentale. Innanzitutto per imparare a muoversi e prevenire eventuali difficoltà motorie - ha sottolineato - . Importante è anche farlo con un po' di agonismo, organizzando qualche piccola gara. Si impara a vincere e perdere e, quindi, a superare le difficoltà e gli ostacoli della vita». Infine Baldini, reggiano, ha parlato del suo legame con Fidenza: «Vado sempre volentieri nelle scuole dove c'è la voglia di far provare l'atletica. A Fidenza, inoltre, mi lega l'amicizia con Gian Carlo Chittolini, Maurizio Pratizzoli e Paola Iemmi».(Gazzetta di Parma, foto Chittolini)

     

    Archivio Articoli