stefanobaldini.net

Un bel Campaccio 1996

Domani convegno al Campaccio

Intervista del blog "Ask the monsters"

 

10 Tips for your First Half Marathon from an Olympic Champion

 

Beatrice Lessi

Learn from the Best

Looking for inspiration for your first competitive run? Then I doubt you can ask tips to someone more suitable than  Stefano Baldini, Olympic champion in the Men’s Marathon in Athens, Half-Marathon World Champion, twice European Champion, 13 times Italian Champion and coming from an Italian Region, Emilia, that is sunny, joyful and open like him.

The 8th of 11 children, himself father of 3 and in constant contact with young people for his job as Coach of the Junior National Team of Athletics, Baldini is an optimist and a social animal.

During his career Stefano ran about 180,000 kilometres in both training and competition covering a distance which is four and a half times as long as the earth’s circumference. And he’s still running! He’s just completed his 8th New York Marathon – for charity, this time.

We don’t change the world with our job – sometimes I need to play down the importance of running because people take it too seriously or want it all too quickly, Baldini says. But a sport competition at any level does help. Being able to give your best is what makes a difference in life, for young people and for everybody.

 

A Chat with Stefano

 

I asked Baldini  to give our readers some tips to start running for a real competition.

 

Beatrice: Do we all need to be competitive, also people who are not like that by nature?

Stefano: Of course not everybody is a champion. But competition teaches you to accept defeats. We all learn more from that, than from a victory. A challenge, a disappointment: that’s the moment that teaches you something. We need to get used to handle this pressure, get up again after falling, to constantly improve whatever we are good at.

Beatrice: Where do you keep your Gold Medals?

 

Stefano: For sure not at home! I hate living in the past, I prefer thinking about the future. My medals are a bit everywhere:  in the Juventus Stadium in Turin,  on a cruise ship, and the Athen’s medal is in a safe. I take it out only on special occasions or for important ceremonies. I don’t want my house to look like a museum.

 

Beatrice: What’s your typical day?

 

Stefano: I travel a lot, both for the competitions and for my personal free-lance job. I represent different brands and speak at conferences. I always bring shoes and running gear with me. And in the car I always keep one or two pair of shoes and running clothes; you never know …(he points towards his car and Anna – the photographer – and I would love to check if that’s really true!)

 

Beatrice: do you prefer training alone or in a group? After all, when you compete you are alone with yourself.

 

Stefano: Absolutely, but the whole process of getting there requires a lot of people helping you. And most of the time I train much better with other people. My trainings sessions are open to the public and everybody can join. When I do motivational seminars for big companies, I run with the group of attendees before I even start speaking. Running immediately breaks the ice and makes people feel closer. The beauty of a marathon is that absolutely everybody runs exactly the same course. Finally, when you are professional runner, you probably train at least 500 times a year, 12 times in 7 days or so, and spend a lot of time waiting or travelling. It gets boring and repetitive. Being with other people is a huge help for motivation.

 

Beatrice: What’s your favourite marathon?

 

Stefano: London – I adore London Marathon. I never won it but I did my personal best twice there, and I was second twice. I love the course and the audience – very knowledgeable too. They kind of adopted me there…as the European against the Africans!

 

The 10 Tips for your First Half-Marathon

 

Beatrice: Can you give our readers some practical tips to start running in a real competition, like for example a Half Marathon?

 

Stefano: Let’s start by where I suggest to invest the most money, and end up with fashion (smiles). Here are my tips:

 

1. Do a Health Check. Go to a doctor for a check up before starting and make sure you know that your general condition is good.

2. Invest in Good Shoes. This is not a marketing trick: good shoes are really important and one should have at least 4 different pairs of them. When you think about training for a year, 4 pair of shoes are not too many. Go to a specialised shop where an expert can test your running style and consult you personally. As a general guideline one should have:

A well supported shoe, a bit heavier (about 300 gr) for long, slow runs;

A lighter one for fast trainings or competition;

A trail running shoe, to run on trails and enjoying the outdoors;

A neutral running shoe (zero-drop, which means rather flat), to stimulate the use of your foot.

Top runners also need really light shoes (about 200 gr) that just last 100 km. Obviously, this shoes are not necessary for a beginner. But they look good to wear with jeans!

3. Gadgets

Look at my wrist – I love my Garmin Forerunner 630. Investing in the right gadgets is a big help for motivations and to monitor your performance.

4. Coach/Training. Online programs can be good enough for a beginner, but having a person who guides you and decides a program for you is ideal and will make it much more likely for you to be remain disciplined and stick to it.

5. Nutrition

In order to support your training you need the right nutrition. A specialist will see what you might be missing in your daily diet, and add supplements. For example you might have little time at lunch, so you will need to take something specific. In theory, a healthy person with good eating habits won’t need anything else. In practice, modern life (lack of time,of fresh ingredients , etc.) makes most of us in need of supplements.

6. Drinking/Salts

Again a part not to underestimate. Get enough fluids before and during your training, and salt if necessary. A nutritionist with help you for this too.

7. Stretching

I do 5 minutes of stretching before running, and 10 after. Don’t forget stretching to prevent injuries and recover faster.

8. Other Sports

Swimming, riding a bike, going to the gym aren’t missed trainings – they are additional trainings, good for your running too. Do alternate sports for best performance.

9. Run Together

Find one or more running companions or join a running club. It’s much more fun and a better level of training.

10. Fashion

There are so many fabrics today, that running without feeling wet or uncomfortable became much easier. Buying something beautiful also helps the ego and therefore your motivation and ultimately your sport performance too. Indulge in sport fashion, if you wish, and have a great competition! askthemonsters.com

Photos: Annalavezzoli.com 

 

Intervista sul mensile Runner's World di Gennaio

YOUNG RUNNERS 

La bandiera azzurra 

Di Paolo Marabini

Stefano Baldini è stato un grande talento. Oggi è il direttore tecnico dei giovani azzurri, mai così tanti e così promettenti. L’olimpionico ci spiega come e perché.

 

Il 7 dicembre scorso ha tagliato il traguardo del terzo compleanno nei panni di direttore tecnico del settore giovanile azzurro. Una sfida lanciatagli dal presidente federale Alfio Giomi, a pochi giorni dalla sua elezione al posto di Franco Arese, e raccolta con grande entusiasmo. Oggi – tre anni e qualche giorno dopo – Stefano Baldini tira le prime somme del suo lavoro, che ha conosciuto nel 2015 una grande vetrina, grazie ai successi dei “suoi” ragazzi tra Mondiali under 18, Europei Juniores e Festival Olimpico della Gioventù Europea.

Stefano, soddisfatto? “Sarei un bugiardo se dicessi il contrario. Non posso sottovalutare, tra l’altro, che era da un bel po’ di tempo che non si parlava così tanto di settore giovanile”.

 

L’intervista completa sul numero di gennaio di Runner’s World.

 

 

Intervista sul mensile Correre di Gennaio

Cercando nuovi, possibili “Baldini”

È un po’ come ai tempi del “Rischiatutto”, quando Mike Buongiorno chiedeva al concorrente: «Che busta vuole? La “uno”, la “due” o la “tre”?». Le “buste” di una possibile intervista a Stefano Baldini sono ancora di più: c’è quella da campione olimpico, quella da allenatore, quella da commentatore televisivo, quella da testimonial, quella da autore di libri, ma poiché è da più di tre anni che su sulle pagine di Correre presentiamo “Giovani leoni” del mezzofondo, nel numero di gennaio Daniele Menarini ha ritenuto opportuno scegliere la busta da Direttore tecnico giovanile della Federazione italiana di atletica leggera. Appunti, più che un bilancio. Spunti di riflessione.

Parliamo nello specifico di mezzofondo e fondo: in questo quadriennio olimpico che va verso l’epilogo, ci sembra che il settore giovanile abbia mostrato una diffusa vivacità, dalla quale sono emerse, indipendentemente dalla categoria, “personalità” come, ad esempio, Yohannes Chiappinelli, Yemaneberhan Crippa, Federica Del Buono, Marta Zenoni e Nicole Svetlana Reina. Chi altri? 

«Completo il quadro aggiungendo, almeno, Lorenzo Dini e Pietro Riva. A proposito di Riva, porto il suo tecnico, Alessandro Perrone, quale esempio di come dovrebbe funzionare il rapporto tra la struttura tecnica federale e l’allenatore di un atleta, soprattutto di un giovane: collaborazione, condivisione delle informazioni e della programmazione, comune voglia di migliorare. Dietro la crescita tecnica e psicologica che lo ha portato, quest’estate, a conquistare il titolo europeo Juniores nei 10.000 metri c’è anche questo aspetto.»

Tra gli allenatori c’è qualche sorpresa, qualche nome nuovo o sono sempre gli stessi a lavorare sul campo? 

«Nel 2015 l’attività del “Talento federale” ha visto il coinvolgimento di 270 atleti e 250 allenatori. Tra questi, i giovani sono parecchi. È la passione che ci porta a provare la trasformazione da atleta in tecnico. Sono anche tanti, però, quelli che emigrano verso discipline che permettono di vivere del mestiere di allenatore, ed è un patrimonio che si perde. Penso, ad esempio, a Marco Mencarelli, ad Andrea Nuti.»

Una domanda di una sola parola: scuola… 

«… Una risposta di una sola parola: assente. Tutto si esaurisce nell’organizzazione della finale degli Studenteschi, sempre all’ultimo minuto, sempre con “problemi di comunicazione con il Ministero”. Crudele il confronto con il passato: fino agli anni ’80, lo sport italiano, nel complesso delle discipline olimpiche che fanno capo al Coni, poteva contare sul “distacco” di circa 200 insegnanti di educazione fisica, che lavoravano a tempo pieno nelle federazioni sportive conservando il proprio posto da “insegnante di ruolo”. Oggi se ne contano 30 in tutto il mondo dello sport, e tutti impiegati sull’alto livello.»

E a proposito di scuola, tra i modelli che l’estero propone è inevitabile pensare agli Stati Uniti, anche alla luce delle tante nostre “Scarpette in fuga”.

«È un modello buono, ma non ottimale. È pensato per far raggiungere la piena maturità atletica a 23-24 anni, il limite anagrafico della vita universitaria che giustifica la presenza dell’atleta al college. Offrono molto, anche economicamente, oltre che come opportunità per costruirsi un futuro. Inevitabilmente chiedono anche molto. La diciamo senza giri di parole? Ti spremono come un limone.

 

 

L'intervista completa a Stefano Baldini la trovate su Correre di gennaio.

 

 

Buone Feste da stefanobaldini.net

Stefano e lo Staff di stefanobaldini.net augurano a tutti voi un sereno periodo natalizio.

Domani ultima puntata 2015 di Deejay Training Center

Domani mattina alle 12, su Radio Deejay, ultimo appuntamento 2015 di Deejay Training Center. La popolare trasmissione radiofonica, condotta da Linus con Stefano Baldini e Davide Cassani, chiude così un'annata davvero fortunata. “Lo sport per chi lo fa” avrà come sempre ospite al telefono il Dott. Mondazzi con i suoi fondamentali consigli sull'alimentazione. Se avete coriosità o dubbi su qualsiasi attività sportiva mandate le vostre domande attraverso il profilo Facebook o alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  Clicca qui per il podcast

Deejay Training Center torna in diretta nel 2016 domenica 10 gennaio, sempre alle 12.

Alla cerimonia dei Collari d'oro al merito sportivo

Stefano è stato presente questa mattina alla cerimonia di consegna dei Collari d'oro al Merito sportivo, la massima onoreficenza del Coni, accompagnando sul palco gli ori olimpici di Roma 1960. Il Presidente Malagò ha voluto fortemente che il premio, istituito negli anni 90, fosse consegnato a tutti gli olimpionici retroattivamente. Baldini aveva già ricevuto l'onoreficenza nel 2006 dopo l'oro di Atene e il secondo titolo europeo di maratona a Goteborg.(foto Coni GMT)

Giudice per i Gazzetta Awards

Baldini non ha dubbi: "È il giovane spadista Cedrini la nostra speranza"

Il maratona d'oro di Atene 2004 è un simbolo di Fair Play. Nella sua carriera non c'è mai stata una dichiarazione fuori luogo. Stefano è lo sportivo giusto per scegliere il Gentleman dell'anno: "Il 13enne Cedrini ha rifiutato una stoccata valida per il computer e ha perso, ma è il simbolo dei valori giusti"

29 NOVEMBRE 2015 – MILANO di Andrea Buongiovanni

È stato il vincitore del Referendum Gazzetta nella categoria Uomini Italia nel 2004, l’anno dello storico oro in maratona all’Olimpiade di Atene. Stefano Baldini, nel corso di una carriera gloriosa – benché quella resti la perla – ha centrato molti altri trionfi. Sempre con eleganza e con misura. Mai, da parte sua, c’è stata una dichiarazione fuori luogo o un atteggiamento sopra le righe. Un vero signore, della corsa e dello sport. Giusto, quindi, che possa esser lui a scegliere il Gentleman dell’anno nell’ambito dei Gazzetta Awards.

Baldini, per chi vota?

"Per Stefano Cedrini, il 13enne spadista di Ravenna che ha rifiutato una stoccata assegnatagli dal computer, perché non valida. Per quel punto la sua squadra ha perso un match importante. Un gesto così va preso a simbolo, è lo specchio del nostro mondo, dove ci sono ragazzi che ancora crescono con valori precisi, come il rispetto delle regole e che poi, per via di qualche baco nel sistema, vengono rovinati. Noi educatori (da d.t. dell’atletica italiana giovanile ora mi metto nella categoria) a volte facciamo passare messaggi sbagliati. Ma un atto così conferma che la possibilità di cambiare c’è".

Si sente investito di una nuova responsabilità?

"Sì, per tutto quel che dico e faccio quando lavoro con loro, coi genitori, i tecnici e i dirigenti. Una volta dovevo giustificare solo le mie azioni da atleta".

Chi altri ha apprezzato?

"Roberto Donadoni per l’orgoglio con cui, nonostante tutto, ha continuato a condurre il Parma. Da un allenatore dello sport più professionale e professionistico, è stato un segnale fortissimo. Proprio perché proveniente da un ambiente che troppo spesso simula. Tra Cedrini e Donadoni corre un filo che non va spezzato".

C’è qualche altro episodio che, nel 2015, l’ha colpita?

"Europei juniores di Eskilstuna, in luglio, finale maschile della 4x400: la Germania, quarta, fa ricorso contro la Francia, seconda, perché un frazionista, in curva, è uscito di corsia. Lo vince e i transalpini accettano il verdetto. Non presentano un controricorso, noi diventiamo d’argento e li scavalchiamo nel medagliere. Tocca a Jean Gracia, francese vice presidente della federazione europea, officiare la premiazione durante la festa finale: non solo non si tira indietro. Ma lo fa col sorriso sulle labbra".

E guardando al passato?

"Europei di Helsinki 1994, la mia prima grande rassegna. Avevo 23 anni e mi misero in camera con Alessandro Lambruschini e Francesco Panetta. Da loro, coi quali anche mi allenavo a Tirrenia, assorbivo tutto come una spugna. Ale, nella finale dei 3000 siepi, cade. Frank gli porge la mano, lo aiuta a rialzarsi, lo sprona a far gara di testa per non correre rischi e Lambruschini vince. Più atto da gentleman di così...".

 

Weekend all'Expo di Firenzemarathon

Domenica 29 novembre si corre la Firenze Marathon, con i suoi oltre 10000 partecipanti. Stefano sarà presente venerdì pomeriggio e tutta la giornata di sabato presso l'Expo maratona in zona Stadio Ridolfi allo stand Asics, a disposizione di chi vorrà scambiare due chiacchiere o fare una foto. Sabato pomeriggio, assieme ad Enervit, incontro pubblico per parlare di alimentazione in funzione della maratona e come comportarsi dal punto di vista alimentare prima, durante e dopo la gara.

Speciale Atletika con Stefano

 

Stefano, in versione Direttore Tecnico Giovanile Fidal, ha risposto alle domande dei numerosi giornalisti specializzati presenti durante la trasmissione Atletika, il talk show ideato dal Comitato Provinciale Fidal Milano, condotto per l'occasione da Davide Viganò e Walter Brambilla.

https://www.youtube.com/watch?v=4W4y-uzkyaY&index=1&list=PLcGjKu2s_JjRVClRfddImOxvpC0UPqYbw

 

Intervista su Runlovers

 

Bell'intervista del sito runlovers.it alla Venicemarathon 2015

 

https://www.youtube.com/watch?v=fTFzCVqdTtk

 

New York, intervista post-gara

 

New York - La TCS New York City Marathon parla keniano, con la vittoria di Mary Keitany in 2h24’25 e di Stanley Biwott in 2h10’34”.

Oltre 50 mila i partecipanti suddivisi in quattro waves (onde), incoraggiati dallo start e alla finish line niente meno che da Spike Lee, gran cerimoniere della maratona, presente a Fort Wadsworth, a Central Park e lungo il percorso a bordo di una colorata decappottabile.

I maratoneti di Born2Run, alle 5.45 del mattino si sono recati in bus a State Island, luogo della partenza, in compagnia di Stefano Baldini e Fulvio Massini, con i quali hanno fatto un po’ di riscaldamento prima della partenza.

Baldini è partito alle ore 9.50, nella prima onda che vedeva anche i professional men.

Ha corso per due onlus: ActionAid che promuove iniziative a favore dei paesi del sud del mondo, e Apro, l’associazione che sostiene la tecnologizzazione dell’ospedale di Santa Maria Nuova di Reggio Emilia.

Com’è andata la gara per il Campione di Atene 2004? «È stata una corsa molto bella per 25 km - ha spiegato - perché ho mantenuto un’andatura tranquilla; ero con un gruppetto di atleti che ho incontrato lungo il percorso, tre italiani e un americano, poi inevitabilmente la mancanza di un allenamento lungo si è fatto sentire e nel finale mi sono venuti i crampi. Non avevo delle velleità cronometriche così ho terminato in 2h48’09”. Bellissima esperienza come sempre; lo scorso anno era troppo freddo e ventoso, oggi al contrario troppo caldo e umido, clima che infastidito tanti che hanno terminato con i crampi».

 

E i nostri atleti di casa come sono andati?

 

Anna Incerti è giunta 9a con il tempo di 2h33’13”, mentre in campo maschile il primo degli italiani è stato il molisano Andrea Lalli, 11° posto in 2h17’12”, allenato dallo scorso giugno da Stefano Baldini, che ha detto della sua prestazione: «Ha interpretato bene la gara fino al 34° km, gli sono mancati i 7 km finali e sicuramente su quelli dobbiamo lavorare. Scegliere New York è stato un rischio, lo sapevamo, doveva correre a Amsterdam ma un acciacco ha fatto slittare il programma. Lui ha il sogno olimpico ed entro il 30 novembre doveva fare una prestazione convincente ma così non è stato. Gli manca continuità, ha avuto tanti problemi ai tendini e raramente ha fatto una stagione completa, infatti oggi non riesce ancora a mettere le scarpe chiodate. Il lavoro continua con un progetto a medio-lungo termine che prevede il cross, la mezza e la maratona, sperando di avere meno infortuni».(Irene Righetti/Born2run)

 

Stefano buon 2h48' a New York per Apro e Actionaid

"Ho corso pensando ai bimbi di Actionaid e ai ragazzi di Apro ONLUS, e nonostante i crampi finali sono arrivato col sorriso". 2h48'09" il crono finale di Stefano. "Peccato per Lalli, ha corso bene per 35km. La classifica è buona, il crono purtroppo no, lo rivedremo nei cross".

Pettorale 1044

 

 

Mancano due giorni alla TCS New York City Marathon, in programma nella “Città che non dorme mai”, il prossimo 1° novembre.

Lo start? Si parte da Staten Island; alle ore 9.20 le donne élite, alle 9.50 i top atleti maschili insieme alla prima ondata di runners, quindi partirà la seconda, poi la terza e la quarta wave (l’ultima prenderà il via alle ore 11).  

 

Tutto è pronto, la finish line di colore blu campeggia all’interno di Central Park, accanto alla statua di Fred Lebow, race director e fondatore della maratona, nata nel 1970 e animata da 127 partenti (solo 55 i finishers). Anche Born2Run, il tour operator di Reggio Emilia specializzato nei viaggi sportivi, è pronto o meglio lo sono i suoi maratoneti che non vedono l’ora di attraversare di corsa i cinque distretti newyorksesi. Oggi il classico ritiro pettorali, Stefano Baldini correrà con il numero 1044. (Born2run)

 

 

Archivio Notizie