stefanobaldini.net

Stefano Baldini racconta il dopo Montello

Ottime le sensazioni per il campione olimpico, che, solo 36 ore prima era sceso nella sua pianura padana dopo tre settimane a Livigno, dove l’estate era solo una nota del calendario.

Dopo una giornata di allenamento posto 10 Miglia del Montello racconta come affronta questo periodo. Il ritorno a Rubiera i programmi per i suoi allenamenti. tutto verso Goteborg.

Sabato pomeriggio sarà a S.Ilario d'Enza al suo Baldini Fun Runners insieme ai fratelli Davide e Marco. Appuntamento con il campione olimpico quindi per chi volesse salutarlo.

“Beh la gara è stata molto bella, l’ho corsa bene, dopo 4 chilometri ho deciso di fare il mio passo, ma senza forzare troppo. Volevo correre più tempo insieme a Pertile ma ho fatto andar le gambe. Il percorso è molto bello, sono dei tracciati davvero belli da correre quelli dove Bettiol e Genovese hanno deciso di organizzare la loro gara. C’era molta gente, un bell’ambiente, il percorso è in linea in fin dei conti, gli ultimi 3  km sono anche in leggera discesa, lì mi sono lasciato andare ed ho avuto le migliori sensazioni. Volevo fare più di un test e mi è sembrata la giusta occasione per stare di nuovo in gara con un pettorale e con tanti tifosi. Credo che la gara se si corresse di sera o tardo pomeriggio, diciamo intorno alle 19 sarebbe ancora più affascinante per la bellezza delle sue curve e tratti”.

In questo periodo breve, due settimane circa, Baldini sarà a Rubiera a casa sua e continuerà il suo cammino di preparazione verso Goteborg.  

“Sarò ancora a St. Moritz come lo scorso anno, io già dal 30 giugno, ma prima di partire il 29 farà il test dle lattato. Gli altri arriveranno il giorno successivo faremo un bel gruppo anche stavolta.  Altre due settimane in altura, poi si scende e quindi si va ancora al fresco. Questa volta prima dei campionati saremo a Vipiteno non a Predazzo, ma i percorsi sono simili. Gli altri non volevano Predazzo, abbiamo scelto tutti insieme. Dicono per motivi di scaramanzia, io non ci faccio caso…”.

In pianura in Emilia è arrivato il caldo. Proprio da qualche giorno con tanta umidità. 

“Sì è vero. Ma non mi preoccupa, non faremo però solo un errore fatto lo scorso anno. Ricordo un lungo alle 8 di mattina di 2 ore. Mi ha un po’ stancato. Credo che non serve fare lunghi troppo faticosi, farò lavori più brevi senza tentare suicidi al caldo. Meglio non sbagliare. Correrò poi i lunghi in altura facendo le sedute di 2 ore di corsa  coprendo 32-34 km. Come solito.” 

Stefano Baldini è tranquillo. Le sue forze sono calibrate. Nel 1998 vinse a Budapest sono passati tanti anni. Non è più un giovane, ma solo all’anagrafe. Poi la sua Rubiera e l’Excelsior Corradini sta preparando per il 10 settembre un Campionato Italiano di Mezza Maratona con una certa cura dei dettagli. Stefano sarà padrone di casa in tutti i sensi. La sua gente lo coccola e gli fa bene. Vi aggiorneremo anche su questo.

"Sabato pomeriggio intanto mi sposto dai miei ratelli, vado a tirare il fiato dalle 17 alle 19 al Baldini Fun Runners di S.Ilario d'Enza, chiunque volesse qualche consiglio su abbiasgliamenti o scarpe sarò lì solo per quello. Quindi prima di correre, si può venire dai fratelli Baldini..."

Un'ottima occasione per i tifosi. Da segnare sull'agenda. Poi dopo si potrebbe seguirlo in allenamento...

    Aggiungi un commento...

     

    Archivio Notizie