stefanobaldini.net

Bravi gli azzurrini ai Mondiali di cross

Kenya-Etiopia: 2 a 2. Questo, in estrema sintesi, l'epilogo dei quarantesimi Mondiali di corsa campestre - prima edizione del nuovo corso biennale - disputati oggi a Bydgoszcz (Polonia). Accoglienza gelata dalla neve per gli oltre 450 atleti di 47 Paesi, alle prese con un impegnativo percorso sviluppato tra fango, nervosi cambi di direzione e una ripida salita oltre la quale si innescava una discesa in "picchiata". A squadre gli etiopi si sono aggiudicati le classifiche senior e junior maschile, con le keniane leader di entrambe le prove femminili.

 

BALDINI: "BRAVI AZZURRINI"  - Concentratissima la spedizione azzurra che ha gareggiato con il nastro nero, in segno di lutto per la scomparsa di Pietro Mennea. Al femminile, la tricolore Touria Samiri, presente a titolo individuale e al debutto in Nazionale assoluta, ha portato a termine il difficile impegno sugli 8km nelle retrovie in 27:59. Compatta la squadra junior maschile capitanata dal campione italiano Lorenzo Dini, 32° e migliore degli azzurrini in 23:18, seguito dagli allievi Yemaneberhan Crippa (38°/23:26) e Yohannes Chiappinelli (44°/23:33). Cinquantesimo, quindi, l'altro gemello livornese Samuele Dini (23:28) davanti a Italo Quazzola (55°/23:45) e Nekagenet Crippa (71°/24:02). I nostri under 20, nella classifica per team, raggiungono così il sesto posto, risultando la prima squadra del Vecchio Continente.

 

Soddisfatto l'olimpionico Stefano Baldini, alla sua prima trasferta internazionale da Direttore Tecnico del settore giovanile: "La squadra junior, come speravamo, si è comportata molto bene, anzi qualcuno anche meglio del previsto. Lorenzo Dini si è presentato a Bydgoszcz recuperato dal problema al tendine d'Achille che lo aveva frenato nelle ultime settimane. Peccato per il fratello Samuele che ha sempre viaggiato intorno alla trentacinquesima posizione, ma è stato condizionato da una rovinosa caduta su uno dei dossi artificiali del percorso. Ok i due allievi, anche se autori di una condotta di gara diversa. Yeman Crippa ha tenuto a lungo a la trentesima posizione, ma pagando un po' lo sforzo nei chilometri finali. Chiappinelli, invece, malgrado fosse il più giovane atleta presente ai Mondiali, ha gestito la gara in rimonta con grande intelligenza tattica. Se questo è l'inizio, penso che nelle rassegne internazionali estive ci sarà davvero da divertirsi".  Nota statistica: Baldini da junior fu tredicesimo e colse il bronzo a squadre nel 1990 a Aix-Les-Bains; oggi, invece, gli under 20 hanno realizzato il miglior piazzamento delle ultime 19 edizioni, dopo il quinto posto del 1992 a Boston. (a.g.fidal.it)

    Aggiungi un commento...

     

    Archivio Notizie