stefanobaldini.net

Stefano taglia il nastro al Circolo di Chiozza

SCANDIANO - C’era tutta la frazione, oggi,  all’inaugurazione del nuovo circolo “la Venere di Chiozza”: tante le famiglie e i ragazzini, tutti rigorosamente con le divise sportive, ad attendere l’arrivo di Stefano Baldini per il taglio del nastro col sindaco di Scandiano Alessio Mammi.  Il circolo di Chiozza, costruito a completamento della zona sportiva de la frazione, sarà anche la sede dedicata del volontariato locale: qui verranno ospitate le associazioni Sporting Chiozza F.C. e Scandianese calcio, la parrocchia di Chiozza, il centro sociale anziani e il Circolo I Cortili. 

Una sperimentazione importante per il territorio, quella di costruire un luogo deputato a “mescolare” le varie anime che fanno vivere la frazione. E sull’impegno del volontariato ha speso belle parole don Giuseppe Lusuardi, il quale ha ricordato che “sono i volontari che fanno andare avanti questi luoghi: succede in parrocchia, nei circoli,  e in altri luoghi della nostra comunità. Mi auguro che in tanti aderiscano a questo progetto e al suo sviluppo, e che nessuno si tiri indietro: serve la forza di tutti”. 

D’accordo anche il sindaco Alessio Mammi: “La gestione di uno spazio civico aperto, un luogo che sa fare dell’ospitalità un valore fondante, è uno di quegli elementi che contribuisce a realizzare la ricchezza di una comunità – ha detto - Non contano solo gli indicatori economici, conta anche essere felici nel quartiere in cui si abita, poter garantire ai bambini una corsa al parco, in sicurezza, o l’allenamento”. E grande è stata poi l’ovazione per Stefano Baldini, uno sportivo che è arrivato sulla vetta del mondo con la maratona, partendo da una realtà simile a quella oggi inaugurata a Chiozza: “E’ sempre una grandissima soddisfazione – ha detto – quando vengo chiamato a inaugurare luoghi gestiti dal volontariato, perché ne conosco il valore per le mie esperienze. Il lavoro dei volontari sportivi per i ragazzini è una missione di grandissimo impatto sulle loro vite: riempite questo luogo, consumatelo! Così li coinvolgerete a loro volta e per il futuro”.(reggionline.it)

     

    Archivio Notizie