stefanobaldini.net

Sul sito Fidal il punto della situazione del sett.giovanile

Baldini: ''Giovane Italia, futuro prossimo''

Il Direttore Tecnico del settore giovanile commenta i recenti exploit dei Societari e traccia il percorso di avvicinamento alle rassegne nazionali ed internazionali di categoria.

Societari Assoluti, fase uno: il giorno dopo. Il week-end appena trascorso ha visto in pista nelle 17 sedi regionali la bella cifra di oltre 13.000 atleti-gara in rappresentanza di 374 club. Tanti i giovani alla ribalta con diversi acuti al vertice delle liste mondiali stagionali di categoria come l'altista Stefano Sottile, numero 1 tra gli under 18 con 2,20, o Ayomide Folorunso, attuale capofila dei 400hs con 57.41. Senza dimenticare le leadership europee degli juniores Giuseppe Biondo nei 400hs (51.98) e Tobia Bocchi nel triplo (15,97). Risultati che accendono lo sguardo e il sorriso del Direttore Tecnico del settore giovanile, Stefano Baldini: "Si tratta indiscutibilmente di grandi prestazioni, ma è importante stare con i piedi per terra anche perché la stagione è appena cominciata. Abbiamo di fronte una generazione di talento e mai come ora è fondamentale aver cura della crescita di questi ragazzi. Nel nostro sport purtroppo non mancano storie di exploit giovanili finiti presto, per ragioni diverse, su un binario morto. Il vero traguardo, non mi stancherò di ripeterlo, è soltanto uno: l'atletica di livello assoluto. E' lì, tra i grandi, che si deve arrivare con la consapevolezza delle proprie forze e pronti al confronto internazionale".

A questa età è facile aspettarsi volti nuovi pronti a mettersi in mostra, ma nel frattempo non sono pochi i nomi da tenere d'occhio. "Nella velocità c'è un bel fermento - prosegue l'olimpionico di Atene 2004 - a partire dagli allievi Filippo Tortu (10.56 nei 100 e 21.17 nei 200) e Ilaria Verderio (53.99 nei 400). Al loro fianco una vivace schiera di under 18 ben assortiti dallo sprint al giro di pista. Nel mezzofondo impossibile non citare Marta Zenoni che dopo un inverno incredibile ha fatto subito vedere di che pasta sia fatta con quel 4:20.07 in solitaria nei 1500 di Mariano Comense. Meglio di lei in questa categoria ha fatto "solo" Gabriella Dorio (4:12.06 nel 1974, ndr). Nei lanci il pesista Bianchetti si sta ben consolidando anche come discobolo insieme ad Anesa". Conferme, ma anche ritorni. "E' il caso dei due junior siciliani Giuseppe Biondo e Giuseppe Leonardi che, insieme a tecnici e società, hanno saputo gestire l'imprevisto dell'infortunio e rientrare al meglio. Anche questo conta molto: non avere fretta, saper guardare a lungo termine nell'interesse e per il futuro dell'atleta. Per fortuna il nostro movimento gode di buona salute come riscontrato anche da alcuni test di valutazione che il campione europeo di cross Yeman Crippa e Yohanes Chiappinelli hanno recentemente svolto a Modena. Sono due ragazzi che hanno già dato prova del loro valore ed ora stanno seguendo un percorso per raggiungere il picco di forma al momento giusto".

Guardando al futuro imminente, invece, tra meno di un mese scattano i Campionati Italiani con Juniores e Promesse a Rieti (12-14 giugno) e gli Allievi a Milano (19-21 giugno). "Abbiamo ideato un percorso di avvicinamento alle rassegne tricolore con diverse tappe intermedie che rappresenteranno un'interessante occasione di confronto. Si comincia il 17 maggio al meeting di Gavardo (BS) dove, in collaborazione con gli organizzatori, abbiamo inserito una serie di gare under 20 ad invito su 100, 800 e 1500 metri. Il 23 e il 24 maggio torna, invece, il tradizionale appuntamento del Brixia Meeting. E così il sabato a Bressanone si svolgerà una prova extra di martello maschile juniores, mentre la domenica saranno in azione quattro 4x100 azzurre under 20 (2 maschili e 2 femminili). Si arriva, quindi, al 4 giugno, il gran giorno del Golden Gala dove sono state previsti un 800 femminile e un 1500 maschile sempre dedicate ai giovani". 

E poi l'estate, la stagione che quest'anno vedrà svolgersi in contemporanea Mondiali Allievi a Cali (Colombia, 15-19 luglio) ed Europei Juniores ad Eskiltuna (Svezia, 16-19 luglio). "Per quello che riguarda la rassegna continentale junior contiamo di portare in Svezia una settantina di atleti selezionati in base ai criteri già stabiliti. Una trentina, invece, gli allievi che abbiamo previsto per la trasferta in Colombia, compresi gli staffettisti della 4x400 mista. Questo non è un orientamento dettato da motivi di natura economica: il team per Cali sarà composto sulla valutazione del rendimento complessivo della stagione, sull'esito dei Tricolore di Milano e, soprattutto, alla luce della collocazione nel ranking mondiale. Contrariamente a quanto fatto da altri Paesi abbiamo mantenuto gli standard indicati dalla IAAF per non caricare di troppe pressioni atleti e allenatori ed evitare una dispendiosa "caccia al minimo". Sono scelte tecniche delle quali intendo assumermi la piena responsabilità".

Non ci sono, però, solo Cali ed Eskiltuna all'orizzonte dei giovani dell'atletica italiana. "Per gli allievi il 2015 è anche l'anno dell'EYOF di Tbilisi (Georgia, 26 luglio - 1° agosto) e poi in agosto ripartiranno i centri estivi a Cles e Camerino preceduti dalla trasferta in Brasile per otto juniores impegnati nel progetto "Coloriamo d'azzurro il cielo di Rio". In particolare per gli under 18 abbiamo stabilito che stavolta ci sarà un bel turnover, nel senso che gli atleti coinvolti nei vari eventi e nei raduni non saranno sempre gli stessi, in modo da estendere il più possibile in maniera inclusiva il gruppo di atleti e tecnici coinvolti nell'attività federale".(alessio giovannini fidal.it)

     

    Archivio Notizie