stefanobaldini.net

New York: ci siamo!

Domani è Maratona di New York, l'attesa per tutti coloro che vi partecipano sarà finita. L'emozione di partecipare alla 42km e 195 metri più attarente del mondo si trasformerà in corsa.

La temperatura a New York è fredda siamo sui 2-3°C, Stefano Baldini si è ambientato, e si eè incontrato con i suoi avversari prima della gara. Coi sono dieci partecipanti con personali sotto 2h09'.

In Tv:diretta su Rai2, ore 15.25 (partenza gara femminile, durante "Quelli che il calcio..."); ore 16.10: partenza gara maschile, durante "Quelli che il calcio..."); ore 17.30, diretta fino al termine.
Per chi volesse seguire la gara senza interruzioni su Eurosport diretta, dalle ore 15.30.

Tra i partenti eccellenti riportiamo la lista come riportata sul sito www.fidal.it: Paul Tergat (primatista del mondo con 2:04:55), William Kipsang (2:06:39), Hendrick Ramaala (2:06:55),Stefano Baldini (primatista italiano con 2:07:22), Rodgers Rop (2:07:34)
Hailu Negussie (2:08:16), Daniel Yego (2:08:16), Daniel Cheribo (2:08:38), Frederick Cherono (2:08:38), Alan Culpepper (2:09:41), Meb Keflezighi (argento olimpico, 2:09:53).

{mosimage}Paul Tergat che l'anno scorso ha vinto a New York in volata su Ramaala in conferenza stampa ha usato parole di grande stima nei confronti di Stefano Baldini per le sue grandi abilità tattiche in fase finale di gara. "E' molto aggressivo, determinato nella fase finale. Non vorrei essere mai con lui nel finale". Tergat è stato battuto da Stefano anche nell'enorme volata a 7 di Londra nel 2003, quando vinse Abera e subì la forza in gara ad Atene quanfdo Stefano recuperò e fece suo l'oro più bello.

Hendrick Ramaala dice invece. "Ho rivisto migliaia di volte nella mia menta la sconfotta dellos corso anno. Per soli tre decimi, spero quest'anno di vincere anche se solo di tre decimi".

L'americano tanto atteso e Meb Keflezighi, diorigine eritrea e argento ad Atene, teme Baldini e sa che New York non è solo una corsa di stategie e di velocità "Baldini è molto pericoloso, non voglio aspettare sino a Central Park e stare con lui, voglio muovermi prima senza fare l'errore pperò di essere troppo aggressivo prima, ho imparato da errori passati"

Sulla partecipazione di Stefano Baldini a New York già da oggi la stampa italiana ha dedicato tantissimi spazi. Per un evento così unico e grande è bello sapere di avere un atleta come Stefano Baldini al via. Sempre pronto a dare il massimo. New York domani sarà pronta per regalare a tutti i 37.000 partenti "una grande esperienza per il proprio corpo e anima", la città sarà con ognuno dei partecipanti. La gara dei top runners è piena di studi e strategie. E di grandi atleti. Vincerà il migliore.


 Nelle foto una partenza dal ponte di Verrazzano, l'arrivo Ramaala-Tergat dello scorso anno, Baldini premiato a New York nel 2004 con il Bikila Award, andato quest'anno a Paula Radcliffe.

    Aggiungi un commento...

     

    Archivio Notizie