A+ A A-

Servizi

Grazie alle numerose esperienze fatte a livello nazionale ed internazionale ho avuto la possibilità di diventare testimonial di molte aziende, eventi sportivi e non sportivi, convention, corsi di formazione come relatore ed esempio di programmazione, strategia e risultati.

 

SERVIZI AD AZIENDE E SOCIETA' SPORTIVE

  • Convention/Conferenze
  • Team Building/Corsi di formazione 
  • Testimonial per marchi e eventi  
  • Consulenza eventi sportivi running 
  • Lezioni/Incontri per Società Sportive e Gruppi 

scrivi a  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Biografia

Sono nato a Castelnovo Sotto, in provincia di Reggio Emilia, il 25 maggio 1971. I miei genitori, Tonino e Maria, entrambi nati e cresciuti a Viadana, si trasferiscono nel 1962 nel reggiano dove acquistano un’azienda agricola tuttora in attività che produce latte per il Consorzio del formaggio Parmigiano Reggiano. Le origini e la famiglia sono state la chiave della crescita in un ambiente sano che mi ha condizionato indelebilmente. Infatti siamo una famiglia numerosa, sono l'ottavo di undici figli (6 maschi e 5 femmine!).

A scuola andavo discretamente, mi sono diplomato nel 1990 all’Istituto Tecnico Commerciale B. Russell di Guastalla. Dopo aver svolto il Servizio Militare di Leva nel 1991 nella Polizia, Gruppo Sportivo Fiamme Oro Padova, mi congedo e nel Giugno ’92 entro nel mondo del lavoro alla Calcestruzzi Corradini S.P.A. nel settore amministrativo, dove rimango fino a tutto il 2001. Il lavoro alla Corradini mi ha cresciuto e fatto capire la fortuna e il privilegio di poter fare della cosa che amavo di più, lo sport, praticamente un mestiere. I proprietari sono stati sempre i miei primi tifosi e potrei rientrare in ufficio in qualsiasi momento. 

Dei “fenomeni del ‘71” (parliamo di una generazione che vinse tutto a livello giovanile e che comprendeva anche Christian Leuprecht, Francesco Bennici, Vincenzo Modica, Giacomo Leone), ero forse considerato il meno dotato. In quel periodo ero allenato da Emilio Benati, che poi volle rinunciare all’attività di mio tecnico personale per curarsi della sua azienda di automazioni industriali. Pensate alla grandezza di questo allenatore: pensando al mio bene ha deciso di fare un passo indietro per darmi la possibilità di essere seguito da un tecnico professionista, praticamente nessuno lo avrebbe fatto con un talento per le mani da plasmare. In punta di piedi abbiamo chiesto al Prof. Gigliotti, che abitava a Modena e ancora allenava Bordin, se avesse voluto seguirmi.

A Rubiera sono andato ad abitare nell’ottobre del ’99, dopo il matrimonio con Virna De Angeli (già primatista italiana dei 400 metri e vicecampionessa mondiale juniores dei 400 ostacoli a Lisbona ’94) e abbiamo tre figli: Alessia nata nel giugno del 2001, Laura nata a febbraio 2012 e Lorenzo nato a gennaio 2015. 

Sotto la guida di Luciano Gigliotti, mio tecnico dal ’92, mi sono pian piano calato nei panni dell’atleta professionista, dapprima sulle distanze più lunghe della pista, poi nelle gare su strada (ho detenuto i limiti nazionali della maratona, della “mezza” e dei 10km). Il primo successo importante della carriera è legato Campionato del Mondo di mezza maratona a Palma de Maiorca nel 1996 davanti al keniano Kiprono; poi è venuto il titolo europeo di maratona a Budapest ’98, quando ho guidato la squadra azzurra ad una fantastica tripletta, accompagnato sul podio da Goffi e Modica.

Nel 2002, quando ero atteso ad una conferma continentale sulle strade di Monaco di Baviera, decisi invece di schierarmi in pista al via dei 10000 metri: questa scelta e il mio quarto posto dell’Olympia Stadion, comunque eccellente, hanno provocato qualche critica negli osservatori (allora motivai la decisione come dettata anche intenti provocatori: “L’ho fatto soprattutto per attirare l’attenzione dei media sulla nostra fatica, spesso data troppo per scontata”). In realtà la decisione fu puramente tecnica: dopo anni di maratone dovevo "risvegliare" per qualche mese in pista un motore ottimo che però soffriva i cambi di ritmo degli africani durante le maratone .

Nel 2004 avevo pianificato il mio addio agonistico ai Giochi di Atene ma, dopo la trionfale vittoria olimpica in una gara ad altissima tensione, sono tornato a Rubiera meditando il bis a Pechino. Ai Mondiali di Helsinki 2005 mi sono ritirato a causa dei crampi, dopo aver condotto una gara d’attacco: il riscatto è giunto puntuale esattamente un anno più tardi agli Europei di Goteborg, con la conquista del secondo oro continentale. Dal 2007 una serie di infortuni non mi hanno mai lasciato solidità fisica, culminata con il 12° posto ai Giochi di Pechino 2008 e il ritiro agli Europei di Barcellona 2010.

Mi sono allenato solitamente tra Rubiera, Modena e la natia Castelnuovo di Sotto, a parte i periodi di preparazione in altura o in raduno federale. Ho avuto un particolare “feeling” con la maratona di Londra, uno dei principali eventi primaverili, che ho corso ben nove volte e dove ha stabilito per tre volte il primato italiano sulla distanza (2h07:57 nel 1997, 2h07:29 nel 2002 e 2h07:22 nel 2006). 

I miei tre fratelli maggiori mi hanno aperto la strada come corridore di lunga lena, coinvolgendomi da ragazzo nel gruppo di mezzofondisti dell’Atletica Guastalla, da loro frequentato: il migliore è stato Marco, 2:16:32 a Venezia ’95, ed è ancora in attività. 

Nel mio curriculum, oltre alle numerose vittorie ottenute sulle piste e le strade di tutto il mondo, ci sono 13 titoli italiani tra 10000 e mezza maratona (ultimo titolo a Pordenone nel settembre 2010 sui 10km su strada), una vittoria in Coppa Europa sui 10000 (1995), 2 titoli Europei di maratona, 1 titolo Mondiale di mezza maratona, 2 bronzi Mondiali in maratona e l'oro Olimpico di Atene 2004, grazie al quale il Presidente della Repubblica Ciampi mi ha fatto Commendatore.

Ho concluso l'attività agonistica nell'ottobre 2010 con una grande festa, ma già lavoravo nel settore tecnico della Fidal come collaboratore del settore mezzofondo/maratona e tutor delle squadre giovanili dal 2010 al 2012. A dicembre dello stesso anno, il nuovo Presidente Fidal Alfio Giomi mi ha affidato l'incarico di Direttore Tecnico del Settore Giovanile, confermato nel 2016, con l'incarico di DTG e Development Manager. Faccio inoltre il testimonial di diverse aziende e partecipo a convention come esempio di motivazione, programmazione e risultati. 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.