A+ A A-

Grosseto 2017 «È la sede ideale per la preparazione ai grandi eventi»

  • Pubblicato: Venerdì, 28 Luglio 2017 08:25

«Vi ho fatto divertire? » chiede il presidente Fidal Alfio Giomialla stampa, mentre la tribuna dello Zecchini canta a squarciagola l’inno di Mameli durante la premiazione della staffetta azzurra 4x400 campione d’Europa.

 

È l’ultimo atto di una manifestazione che rimarrà nella storia per una serie di motivi, a cominciare dalle presenze di pubblico sugli spalti dello Zecchini, arrivate a sfiortare le ottomila unità.

 

«L’Italia ha preso la via della maturità – è il commento del commissario tecnico della nazionale Stefano Baldini – Il medagliere ha un valore relativo, anche se abbiamo fatto il record di medaglie, di medaglie d’oro, abbiamo fatto quasi il record di punti, che è la classifica che m’interessa di più: ti dice la profondità di questo movimento che ha prodotto 24 primati personali, 24 finalisti. Sono molto soddisfatto di questa squadra che si è espressa al meglio, anche in considerazione che abbiamo messo tanti ragazzi under 18, under 19 in una manifestazione che dovrebbe essere formativa ma che per molti è stata qualcosa in più: vedi le medaglie di Visca, Battocletti e quella della Vandi nella 4x400 femminile. C’è una grande armonia nel settore giovanile. I ragazzi vengono fuori nel momento che conta: quattro primati nazionali non sono pochi e c’è stata la conferma delle nostre punte. Il fatto che negli Europei Under 23 in Polonia e qua a Grosseto abbiamo vinto il medagliere maschile e questo la dice lunga come stiamo lavorando e di cosa spero di dare a Locatelli per l’alto livello. 

 

Io godo di uno staff di alto livello, che ho implentato con ex atleti come Vizzoni, Mori, Frinolli. È il risultato di un anno di grande lavoro che ci deve portare a fare un salto di qualità. Ecco perché il mio ruolo è sul settore giovanile ma anche sullo sviluppo». 

 

I meriti di Grosseto. Baldini fa presente che «la motivazione di questi ragazzi si è vista fin dalla cerimonia inaugurale: cantavano l’inno per le vie di Grosseto. Questo evento ha coinvolto tutta la città. Ci eravamo preparati bene e questo grazie a Grosseto, una sede di allenamento abituale». 

 

«Continueremo – aggiunge il ct Baldini – a utilizzare Grosseto perché ci regala, dopo queste gare, un impianto eccezionale. Ci siamo trovati benissimo. A fine ottobre saremo qui per la programmazione annuale per l’under 20. Quindi un arrivederci a Grosseto nella speranza di poter utilizzare questo impianto anche per manifestazioni di carattere nazionale come i campionati italiani, perché qua si sta veramente bene e la pista è stata rifatta alla grande: al di là del vento contrario nella velocità pura si sono visti dei risultati eccezionali sia dalle pedane che in pista». 

 

Cosa le rimane di questa esperienza?

 

«La tanta energia che questi ragazzi regalano all’atletica italiana. Io e miei collaboratori dobbiamo solo alimentarla, continuare a darci dentro: gli altri non ci aspettano». 

 

L’emozione più grande? «Nella staffetta 4x400 che ci ha dato l’oro sembrava venisse giù lo stadio tanto era l’entusiasmo. Di questa esperienza mi rimarrà anche la tribuna, il pubblico che ha spinto Aceti, la Battocletti alla medaglia cui tenevano tanto. Organizzare significa anche questo: dare motivazioni all’ambiente». 

 

Il pubblico di Grosseto è partito innamorato di Filippo Tortu, ma ha imparato ad apprezzarne anche altri atleti.

 

«È bello così, oltre a Tortu ci sono stati altri ragazzi che si sono fatti voler bene. In primis Aceti, e lo dico scherzosamente, ha anche battuto Filippo nel medagliere: lui la doppietta d’oro l’ha fatta, mentre Tortu ha fatto oro e argento. E quindi i due compagni di allenamento sul campo di Giussano portano a casa un bel bottino. Filippo è stato un capitano eccezionale, come la Di Lazzaro alla quale è mancata solo la medaglia. Abbiamo una squadra con un gran carattere». (iltirreno.it)

 

 

Baldini: ''Bydgoszcz-Grosseto, l'Italia dei giovani''

  • Pubblicato: Mercoledì, 19 Luglio 2017 13:08

 

Il Direttore Tecnico del settore giovanile e allo Sviluppo passa in rassegna i risultati dei recenti Europei U23 con l'attenzione già proiettata sulla rassegna continentale under 20 in Italia dal 20 al 23 luglio (Video)

 

E' rimasto quasi senza voce. Dopo quattro giornate in prima linea ai Campionati Europei under 23 di Bydgoszcz, il Direttore Tecnico del settore giovanile e allo Sviluppo Stefano Baldini ha gli occhi ancora pieni dello scintillio delle imprese degli azzurri. Tre ori, tre argenti e due bronzi, 29 finalisti, Italia quinta nel medagliere e nella placing table con 111 punti. Superato anche il record della precedente edizione degli EuroU23 a Tallinn 2015 dove erano arrivati 2 ori, 2 argenti e 4 bronzi, 25 finalisti e 109 punti. "Ci sono stati momenti davvero esaltanti a Bydgoszcz - spiega l'olimpionico di maratona ad Atene 2004 - e in tribuna non sono mancati gli urli di gioia. Sabato con l'ultimo giro di Crippa sui 5000, mentre Falocchi era in lizza per l'oro nell'alto. Domenica con la fantastica doppietta Chiappinelli-Abdelwahed nei 3000 siepi e la Furlani bronzo nell'alto. Mi sono anche un po' commosso per la vittoria della Folorunso nei 400hs perché ha passato un periodo complicato per alcuni problemi fisici che, però, è riuscita a gestire molto bene. Yeman, Ayomide, ma anche Yohanes che lo era stato un anno fa ai Mondiali U20: i capitani dell'Italia Team non tradiscono mai, su di loro si può fare sempre affidamento".

 

E il resto del team come si è comportato?

"Squadra numerosa (83 gli atleti in Polonia, ndr), ma comunque competitiva a prescindere dalle controprestazioni che vanno sempre messe in conto. E' stata una settimana impegnativa, ma i nostri ragazzi hanno avuto l'atteggiamento giusto. Lo dimostra anche il fatto che a Bydgoszcz 16 atleti hanno ottenuto il personal best.  Senza un infortunio (Tanzilli nei 200m, ndr) e una squalifica (la 4x100 maschile, ndr) i finalisti sarebbero potuti diventare un paio in più. Devo dire grazie all'ottimo lavoro dei tecnici personali che hanno voluto condividere con la struttura federale una programmazione che li ha portati ad arrivare in forma a questo punto della stagione".

   

Scomponendo il medagliere, emerge il dato di un'Italia che al maschile con 6 metalli è prima a pari merito con la Gran Bretagna. 

"Sono numeri che emozionano e danno soddisfazione. E' vero parliamo di under 23, ma alcuni di questi giovani sono già maturi, fanno un'atletica di un certo livello e hanno davanti un gran bel futuro. Ma dobbiamo continuare ad investire anche su altri, non possiamo permetterci di perdere per strada nessuno. Per far questo serve poter continuare e se possibile implementare l'attività tecnica e di raduni che è stata organizzata quest'anno. Grazie allo staff tecnico e sanitario per il continuo supporto. E' già stato fatto molto, speriamo di aver ripagato la fiducia di chi ha concretamente creduto in questo progetto".                        

 

Per alcuni dei protagonisti di Bydgoszcz, gli Europei under 23 hanno rappresentato soltanto una tappa di questo 2017. All'orizzonte ci sono, infatti, i Mondiali di Londra. 

"Chiappinelli il minimo per Londra lo aveva già fatto al Golden Gala, la Folorunso lo ha ottenuto qui. C'è chi poi continuerà a gareggiare, qualcuno invece prenderà fiato per prepare cross e indoor. A metà ottobre ricomineremo a lavorare insieme per la prossima stagione".

 

Niente vacanze nemmeno per il DT Baldini: valigia già pronta per Grosseto e gli Europei under 20. 
"Le energie non mancano sicuramente e la voce tornerà. Ci prepariamo a vivere altre quattro fantastiche giornate di atletica. L'impianto è stato tirato a lucido e la pista è bellissima. Saremo forti e tosti. Vi aspettiamo tutti per tifare i nostri azzurrini che sono sicuro che ci faranno divertire". (fidal.it, foto G.Colombo)

Grosseto 2017: energia giovane e grande atmosfera

  • Pubblicato: Martedì, 25 Luglio 2017 09:28

 

Il presidente FIDAL Alfio Giomi e il DT del settore giovanile e allo Sviluppo Stefano Baldini commentano la 24esima edizione dei Campionati Europei under 20 appena conclusa nella città toscana video

Quattro giorni e quaranta ore di gare. 1159 atleti di 47 nazioni che si sono contesi le medaglie e i 44 titoli in palio. 42 ore di evento trasmesse in Eurovisione, 125 operatori dei media accreditati da tutta Europa comprese diverse TV internazionali. Ecco solo alcuni dei numeri della 24esima edizione dei Campionati Europei under 20 appena conclusi a Grosseto. "Una città - commenta con soddisfazione il presidente FIDAL Alfio Giomi alla guida anche del Comitato Organizzatore di Grosseto 2017 - che è tornata ad accoglierci dopo gli Europei Juniores del 2001 e i Mondiali U20 del 2004. Con impianti rimessi a nuovo e uno stadio pieno come non mai con un'atmosfera meravigliosa. Penso che chi è venuto a vedere le gare dal vivo avrà da raccontare un'esperienza indimenticabile così come quella dei giovani atleti in pista. E' stata stimata una media di 10-12.000 presenze che si sono alternate nel corso di ogni singola giornata. Non posso che ringraziare chi ha permesso all'Italia dell'atletica di vivere questa fantastica avventura: l'Amministrazione Comunale in primis, le aziende partner, i giudici, i volontari e tutto lo staff del comitato organizzatore. Presto avremo i dati ufficiali di uno studio che abbiamo commissionato per valutare l'impatto della manifestazione sul territorio che, a quanto pare, in questi giorni ha registrato un autentico sold-out nelle strutture ricettive. Tanti buoni motivi che qui non possono non far pensare al futuro". 

BALDINI: "UNA SQUADRA FANTASTICA!" - Grosseto 2017, il giorno dopo. Allo Stadio Zecchini oggi non ci sono gare, ma nell'aria resta l'eco freschissima del fantastico finale degli Europei under 20: l'oro della 4x400 azzurra maschile con l'inno d'Italia cantato a squarciagola da tutta la tribuna, compreso il DT del settore giovanile e allo Sviluppo Stefano Baldini. "La voce anche stavolta se ne è andata, come purtroppo questi bellissimi giorni di gare. Tra Bydgoszcz e Grosseto abbiamo vissuto due settimane di grande lavoro, ma anche di grandi soddisfazioni. Risultati che, grazie al confronto con il resto del Vecchio Continente, ci danno delle certezze e delle indicazioni su quello che c'è ancora da fare. Degli Europei U20 resteranno tante emozioni e il ricordo di un evento che ha dato belle risposte sia in pista che dal punto di vista organizzativo. Eravamo il paese ospitante e penso che abbiamo fatto una bella figura". 

 

Il bilancio finale della rassegna continentale non è fatto solo di cifre, ma anche di tante storie. "9 medaglie, 111 punti, 24 finalisti, 5 record italiani e 25 primati personali. Siamo di nuovo a piani alti di classifica a punti e medagliere con il primo posto in quello maschile come una settimana fa agli Europei U23. Ogni medaglia ha una storia e un percorso: aggiungere al podio individuale quello di squadra in staffetta come hanno fatto Aceti, Tortu e Sibilio, battendo primati che resistevano da tanto tempo è un bel valore aggiunto. I quartetti azzurri sono stati assolutamente protagonisti a Grosseto e considerando che tre dei componenti della 4x400 l'anno prossimo saranno ancora juniores, li aspettiamo in azione anche ai Mondiali U20. Insomma, tanti bei mattoncini per il futuro del nostro sport". Che cosa ha fatto la differenza a Grosseto? "Sicuramente l'atmosfera: è stata entusiasmante e ha generato una bella energia per l'atletica italiana che ora non bisogna assolutamente disperdere. E' il frutto di un lavoro programmato e iniziato da tempo con atleti, tecnici personali, società e staff tecnico federale. Grazie perché ognuno ha fatto la sua parte e questi risultati sono merito di tutti".    

LIVELLO TOP, ECCO LA GENERAZIONE DEI MILLENNIALS - "Molte prestazioni, come il livello complessivo della manifestazione, sono state davvero di spessore internazionale - continua l'olimpionico di maratona ad Atene 2004 -. Su tutti i record del mondo del decathlon del tedesco Kaul e della 4x100 femminile della Germania (43.27 in batteria, ndr) e in generale i salti in estensione su una pedana fantastica. Atleti giovani come il triplista Dallavalle o "millennials" come Battocletti, Coiro e Visca si sono fatti trovare pronti nell'occasione che conta. Questa è la mentalità giusta che vogliamo vedere nei nostri ragazzi e nell'ambiente da cui provengono che ha permesso loro di crescere con serenità. Altri magari non erano al 100% e qui non sono potuti esserci: penso alla Zenoni che ci ha provato fino all'ultimo o alla Tommasi, frenata da un problema fisico, ma che nei 5000 sarebbe stata sicuramente protagonista. Attenzione, però, perché non finisce qui. Questo luglio azzurro continua con l'EYOF a Gyor in Ungheria: in un mese oltre 200 giovani tra i 15 e i 22 anni avranno vestito la maglia della Nazionale".

"I ragazzi a Grosseto ci hanno fatto sognare e divertire - aggiunge Tonino Andreozzi, assistente alla Direzione Tecnica del settore giovanile -. E penso che questo sia arrivato al tanto pubblico che c'era in questi giorni allo stadio e che ha ha dato una bella spinta in più quando si trattava di correre quell'ultimo rettilineo sotto la tribuna. La squadra è stata compatta e coinvolgente anche nel fare il tifo. Ma la squadra è anche quella dello staff tecnico federale a cui contribuisce la costante collaborazione con i tecnici personali". Da Grosseto ora il testimone passa a Boras, in Svezia, sede della prossima edizione degli Europei U20.(www.fidal.it)

 

Baldini: ''Bydgoszcz, una tappa per crescere''

  • Pubblicato: Mercoledì, 12 Luglio 2017 15:09

Il Direttore Tecnico del settore giovanile e allo Sviluppo traccia il profilo della squadra che sta per scendere in pista agli imminenti Europei under 23 in Polonia (13-16 luglio) Video

 

di Alessio Giovannini

Le gare inizieranno giovedì 13 luglio, ma la Nazionale italiana dei Campionati Europei under 23 di Bydgoszcz (Polonia) un record l'ha già battuto. Con 84 convocati (83 dopo la defezione del discobolo Anesa) è la squadra azzurra più numerosa che abbia mai partecipato a questa rassegna. "La configurazione del calendario - spiega il Direttore Tecnico del settore giovanile e allo Sviluppo Stefano Baldini - ci ha dato una grossa mano per permettere ad un bel numero di atleti di raggiungere lo standard di iscrizione. Ma questo è anche il frutto di una generazione di ragazzi e ragazze che stanno crescendo molto bene e che già in passato hanno dimostrato il loro valore a livello internazionale. Tutto questo coadiuvato da un lavoro di preparazione che da febbraio ha visto il coinvolgimento di atleti e tecnici personali in un fitto numero di raduni federali".

 

In base alle graduatorie stagionali dell'European Athletics, 24 degli azzurri (12 uomini e 12 donne) di Bydgoszcz sono nella top-10 under 23 con Yohanes Chiappinelli leader continentale dei 3000 siepi grazie all'ottimo 8:27.34 corso al Golden Gala. Un crono che per il campione europeo junior 2015 vale anche lo standard di iscrizione per i prossimi Mondiali di Londra. "Come Yohanes ci sono anche altri atleti che qui possono avere l'occasione giusta per raggiungere il pass mondiale o provare a trovare spazio nei target numbers. E' il caso ad esempio di Ayomide Folorunso al rientro nei 400hs, Filippo Randazzo nel lungo e Erika Furlani nell'alto. Ci sono poi diversi azzurri che arrivano dall'esperienza nei college americani dove hanno affrontato la lunga ed intensa stagione NCAA. Quella degli under 23 è una categoria di maturazione agonistica e una rassegna come questa ha proprio il senso di spingere questi giovani verso il salto di qualità. Anche perché qui gli stimoli per migliorarsi davvero non mancano".

 

Scorrendo, infatti, l'entry-list è impossibile non notare nomi di big di livello assoluto come l'olimpionica croata del giavellotto Sara Kolak (68,43 a Losanna!) e del tedesco Max Hess (PB 17,52i), campione europeo in carica del triplo, il più giovane della storia dell'atletica continentale. In pista potrebbe puntare ad un'altra doppietta la turca di origine keniana Yasemin Can che ad Amsterdam 2016 ha conquistato 5000 e 10.000 e poi, a Chia, anche il titolo europeo di cross. Occhio alla ventenne tedesca Konstanze Klosterhalfen, fresca autrice di un sensazionale 3:59.58 sui 1500 in occasione dei Campionati nazionali ad Erfurt. Sul giro di pista - a prescindere dal fatto se opterà per la distanza con o senza barriere - il norvegese Karsten Warholm dopo il 44.85 nei 400 piani e il 48.25 nei 400hs, è senz'altro il superfavorito. Per la Polonia, l'uomo copertina della rassegna ha il volto del recordman mondiale junior del peso Konrad Bukowiecki (PB 21,51) che domina l'immagine scelta per la promozione dei Campionati. "Gareggiare al fianco di atleti di questo livello - aggiunge Baldini - per i nostri ragazzi è un'opportunità preziosa per confrontarsi con chi già vive al top l'atletica internazionale. Un'esperienza che 20 di loro hanno già sperimentato anche attraverso le recenti convocazioni in Nazionale senior".       

 

Saranno queste delle settimane molto intense per gli under dell'atletica italiana: Europei U23 a Bydgoszcz (13-16 luglio), Europei U20 a Grosseto (20-23 luglio) ed European Youth Olympic Festival a Gyor in Ungheria (23-29 luglio). In tutto 201 atleti in maglia azzurra: un bel numero e un bell'impegno. "Tanto lavoro, ma anche tanti giovani che hanno voglia di fare atletica, che sudano, sorridono e sognano per l'atletica. E questo è quello che ti fa dire che ne vale la pena. In questi giorni a Grosseto è in corso un raduno in vista di Europei U20 ed EYOF sugli impianti appena rinnovati. Si tratta di strutture che saranno una grande risorsa per la nostra attività anche a seguire".

 

Il messaggio del DT Baldini ai giovani dell'atletica italiana che stanno per affrontare l'Europa?

 

"L'atmosfera è di grande entusiasmo. Il mio invito è quello di vivere tutto questo con lo spirito giusto: concentrazione quando si gareggia, ma anche divertimento per portare a casa un bel ricordo di queste trasferte. In particolare a chi sarà in pista a Grosseto dico che hanno il privilegio di gareggiare in Italia e che un po' li invidio perchè nella mia carriera non mi è mai capitato di farlo in maglia azzurra nel nostro Paese. E' da esperienze come queste che si possono costruire le basi per il futuro di questa nuova generazione".(fidal.it)

 

"Maratona per tutti" è l'ultimo nato, per chi sogna i 42km e 195 metri, con tabelle di allenamento e consigli utili.

"Quelli che Corrono" è il mio secondo libro edito da Mondadori, per chi vuole iniziare a muovere i primi passi di corsa.

Esiste una medicina in grado di renderti più creativo, più lucido mentalmente, più vitale e più equilibrato, più in forma e più felice: si chiama corsa. Stefano Baldini

Sign In or Create Account