A+ A A-

Stefano su Sportweek per Asics

  • Pubblicato: Domenica, 14 Gennaio 2018 08:11

Sportweek, il magazine di approfondimento di Gazzetta dello Sport che esce ogni sabato, dedica una pagina a Stefano, testimonial del brand Asics dall'anno 2000, per parlare e promuovere la nuova Gel Nimbus 20.

La mia recensione di Asics Gel Nimbus 20

  • Pubblicato: Giovedì, 11 Gennaio 2018 14:35

E’ inutile negarlo, nella corsa, con gli anni che passano, le velocità di percorrenza e i tempi di appoggio al suolo si allungano. Si tratta di un andamento fisiologico assolutamente normale. Sta capitando anche a me, con la necessità di variare più spesso i modelli di scarpe da corsa rispetto ai 2 che abitualmente calzavo quando facevo 200km a settimana orientati alla performance massimale.

La GEL Nimbus taglia un traguardo importante come quello dei 20 anni, ed è una scarpa che sto utilizzando sempre più spesso nelle mie abituali uscite da 15km. La calzata è ottima, grazie alla tomaia a rete stampata in 3D, con il collo del piede morbido e perfettamente a suo agio grazie agli occhielli separati più deformabili. Rispetto al modello precedente si ha quasi la sensazione di aver bisogno di un mezzo numero in più e se la pianta del mio piede fosse appena più larga prenderei quella direzione.

Nella Nimbus c’è tutto quel che serve per esaltare la mia meccanica di corsa, dall’Adaptive GEL inserito nell’avampiede e nel tallone al perfetto connubio tra Speva e FlyteFoam che rendono l’intersuola della 20 la migliore da me mai provata in una scarpa neutra. Apprezzo da sempre la conchiglia esterna che mi offre un confort decisamente sopra la media e ospita l’inserto 3M fondamentale nelle uscite serali.

Ormai ci ho corso 350 km e le sensazioni sono ancora quelle del terzo allenamento, anche quando decido di cambiare ritmo, abbassare i tempi di appoggio a terra e concludere la mia uscita con delle variazioni di ritmo o in forte progressione. Il grip è al top, molto importante nei mesi invernali, da la sensazione di assoluto controllo e sicurezza in ogni appoggio e su tutti i terreni, nelle curve più strette e negli improvvisi cambi di direzione. Buon compleanno Nimbus 20.

Peso 305 g ▪ Differenziale di 10 mm ▪ Calzabilità ampia ▪ Calzabilità personalizzata ▪ Collo del piede morbido ▪ Protettivo ▪ Comfort eccezionale durante la corsa ▪ IGS ▪ Intersuola FluidRide ▪ Strato superiore in SpEVA ▪ Strato inferiore dell'intersuola in FlyteFoam ▪ Intersuola in SpEVA 45 ▪ Soletta interna in Ortholite X-40 ▪ Gel nell'avampiede e nel tallone ▪ Conchiglia del tallone esterna ▪ Guidance Trusstic ▪ Guidance Line ▪ 3M riflettente ▪ Ammortizzazione specifica per uomo/donna ▪ Da donna +3MM ▪ Suola in spugna di gomma AHAR ▪ Tassello del tallone in AHAR

Stefano fa visita al raduno U20 di Grosseto

  • Pubblicato: Sabato, 06 Gennaio 2018 09:34

Gli azzurri del mezzofondo si allenano in Maremma

A Grosseto per preparare la nuova stagione. Il periodo festivo riunisce alcuni dei migliori giovani dell’atletica italiana, da martedì 2 a sabato 6 gennaio nel capoluogo della Maremma. In questo raduno nazionale sono convocati 41 azzurri fra lanciatori, mezzofondisti e marciatori, dai 15 ai 18 anni di età (nati dal 1999 al 2002) e quasi tutti accompagnati dai relativi tecnici personali, insieme a medici e fisioterapisti dello staff federale. Molto articolato il programma dello stage: non soltanto l’attività tecnica al campo Zauli, ma anche diversi test metabolici e muscolari di valutazione. Presente il direttore tecnico delle nazionali giovanili Stefano Baldini, olimpionico della maratona ad Atene 2004, affiancato come sempre dal suo vice Tonino Andreozzi e dal capitano delle squadre nazionali giovanili Gabriella Dorio, mentre nel settore lanci a coordinare l’attività c’è il tecnico maremmano Francesco Angius. “Dopo gli Europei under 20 della scorsa estate – dichiara Baldini – a Grosseto c’è un patrimonio che rimane, con due impianti rinnovati grazie agli investimenti che sono stati fatti. Torniamo in Maremma a due mesi dal raduno di novembre ed è utile monitorare la crescita dei ragazzi, visto che ormai siamo nel cuore della preparazione invernale. E poi qui gli allenatori personali sono presenti al 70 per cento, un dato che per noi è doppiamente importante: perché ai raduni ci si allena ad allenare e perché dimostra quanto questo tipo di attività sia apprezzato anche dal lato coach”. (ilgiunco.net)

"Maratona per tutti" è l'ultimo nato, per chi sogna i 42km e 195 metri, con tabelle di allenamento e consigli utili.

"Quelli che Corrono" è il mio secondo libro edito da Mondadori, per chi vuole iniziare a muovere i primi passi di corsa.

Oggi la carriera degli atleti si può estendere fino ai 40 anni. Eppure una gran parte di top runner italiani non vive ragionando da professionista. C'è questo strano pudore a usare il termine "professionista", che fa sì che molti di loro brucino malamente il periodo più bello della vita.
Stefano Baldini

Sign In or Create Account